Calabria: 1.428 scuole non sicure




Calabria, Cosenza, Scuola ed istruzione | Enrico Tricanico | 7 giugno 2010 alle 18:15

scuolaCOSENZA – Il problema dell’edilizia scolastica è assai diffuso nel Sud. Edifici fastiscenti, non dotati di uscite di sicurezza con arredi a dir poco azzardati. La notizia del giorno è del Sole24Ore, che pubblica una graduatoria frutto del monitoraggio sulle scuole attuato dal Ministero dell’Istruzione. Come parametri di riferimento sono stati utilizzati agibilità, collaudo statico e prevenzione incendi. La Calabria è risultata fanalino di coda, i dati sono allarmanti.

I dati pubblicati a propostito del monitoraggio non si riferscono a tempi recentissimi, dunque la situazione potrebbe essere ancora peggiore. Tuttavia a fronte di una spesa nazionale (già stanziata) di 358 miloni di euro, la Calabria riceverà soltanto 13 milioni per riparare a 28 interventi su un ammontare totale di 1.428.

Enrico Tricanico


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Calabria su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Enrico Tricanico

Enrico Tricanico Enrico Tricanico Enrico Tricanico nasce a Cosenza il 26 Novembre del 1987. Risiede fino al 18° anno di età a San Marco Argentano (CS) suo paese di origine dove si diploma in ragioneria. Attualmente la sua vita si svolge a metà tra San Marco e Cosenza dove si è laureato in Scienze Politiche e sta continuando a studiare.
Sito: http://www.enricotricanico.net78.net/


2 commenti

  1. bruvitt scrive:

    I politici da noi/loro eletti credono di essere stati eletti RE d’italia con il potere di fare quel che c,,,, vogliono, allora mi chiedo, cosa bisogna fare per far capire a questi cialtroni (escludendo quelle rare persone perbene)che non possono fare i loro comodi? sono in troppi e costano troppo,ne basterebbero uno per ogni provincia al governo, e altrettanti all’opposizione,,,,,

  2. In una risposta che forse può apparire scontata ti dico che secondo me la classe politica spesso sia il riflesso della società… Quindi credo che ogni tanto il dito dobbiamo anche puntarlo verso noi stessi e verso la nostra passiva resistenza. :)

Lascia un commento